Malattie delle valvole cardiache e Covid-19: una combinazione spesso letale

I decessi hanno superato il 40% nei pazienti del registro con cardiopatia valvolare che si ammalano. Un trattamento rapido riduce il rischio.

Secondo i dati del registro multicentrico, quattro pazienti su 10 che contraggono COVID-19 in aggiunta alla cardiopatia valvolare muoiono entro 30 giorni dal ricovero ospedaliero. Un tasso di mortalità questo che secondo i ricercatori sarebbe forse sufficiente a giustificare la riparazione o la sostituzione della valvola anche nel contesto della SARS-CoV-2.

I pazienti con stenosi valvolare o rigurgito dovrebbero ottenere un trattamento tempestivo nella speranza che, se sviluppassero la malattia virale, la loro risposta potrebbe essere meno grave. E’ quanto sostenuto da Danny Dvir del Shaare Zedek Medical Center di Gerusalemme e della University of Washington, Seattle.

“Parliamo continuamente di come ridurre l’impatto della mortalità da COVID-19, di cosa dovremmo fare per migliorare i risultati per i nostri pazienti mentre aspettiamo un vaccino”, ha dichiarato Dvir, “Abbiamo una soluzione per la malattia valvolare: prima che vengano infettati da COVID, possiamo trattare queste valvole”.

Come si é osservato anche in altre aree della medicina cardiovascolare, Dvir ha dichiarato che le persone con malattie valvolari cardiache sono state riluttanti a cercare cure a causa della paura di ammalarsi. Per queste persone, il solo ritardo nelle cure le mette a rischio. C’è anche la possibilità che svilupperanno COVID-19 durante questo periodo, ha osservato.

Ciò che è risultato chiaro dai dati, ha esortato Dvir, è che le malattie valvolari cardiache dovrebbero essere trattate in modo convenzionale durante la pandemia. Lo studio non è randomizzato, ha ammesso. “Ma i risultati clinici di coloro che hanno avuto TAVR (Transcatheter aortic valve replacement) mentre sono stati infettati da SARS-CoV-2 sono abbastanza buoni, ad essere onesti. Questi pazienti hanno reagito bene”.

VEDI QUI PER APPROFONDIMENTI

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest

Su di noi: Cuore Italia è un’associazione che promuove la conoscenza delle malattie delle valvole cardiache, la possibilità di scoprirle, diagnosticarle e curarle al fine di garantire un percorso di cura chiaro ed efficace, con l’obiettivo di cambiare la cura delle malattie delle valvole cardiache e aiutare le persone a condurre una vita qualitativamente migliore. Cuore Italia opera nell’ambito del network di Senior Italia FederAnziani ed è membro del Consiglio dei Pazienti affetti da Malattie delle Valvole Cardiache (Heart Valve Disease Patient Council) del Global Heart Hub. La campagna è in collaborazione con Global Heart Hub

Il Global Heart Hub è un’alleanza di organizzazioni di pazienti cardiopatici di tutto il mondo, unite nel dare voce alle persone affette da malattie cardiache e ictus e nel sostenere i risultati ottimali per i pazienti in tutto il percorso di cura, dallo screening e la diagnosi, attraverso il trattamento, il recupero, l’auto-cura e l’auto-gestione.

Per approfondimenti e informazioni è possibile visitare:


Ufficio stampa
comunicazione@senioritalia.it
Cellulare:
366.9847893 – 366.9847899